Archivi autore: Christian Anton

Informazioni su Christian Anton

Ho completato i miei studi di business con un focus sul marketing e gestione aziendale presso l’Università di Mannheim. A Tellows sono responsabile del marketing e quando non lavoro in ufficio mi rilasso con un buon pasto e con gli amici.

Allarme Ping Call – Richiami e sei truffato

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Cari utenti di tellows,
Oggi vogliamo parlarvi di un argomento purtroppo sempre attuale: le truffe denominate Ping Call.
Riceviamo infatti giornalmente segnalazioni da parte dei nostri utenti che ricevono brevi chiamate, a volte solo uno squillo, da parte di numeri stranieri principalmente da Tunisia, Kosovo e Moldavia.

Cerchiamo quindi di mettervi in guardia in modo che possiate evitare di venire ingannati.
Ma come funziona? A differenza di quanto qualcuno possa pensare rispondere alla telefonata non è sufficiente per considerarsi truffati, il problema sussiste richiamando questo numero. Da quanto riportano i nostri utenti, è possibile ricevere anche 5 o 6 chiamate al giorno, talvolta da numeri differenti.

Scopriamo nel dettaglio come funziona il raggiro:

• Ricevete una chiamata da un numero sconosciuto con prefisso straniero; può trattarsi di una normale telefonata, ma, appena avrete risposto, faranno cadere la linea dall’altra parte, oppure riceverete solamente un semplice squillo. I numeri in questione hanno un prefisso internazionale a cui dovete fare molta attenzione: +216 per la Tunisia, +373 per la Moldavia e +383 per il Kosovo.

• Lo scopo di questa chiamata è quello di farvi pensare che sia caduta la linea o farvi trovare una chiamata senza risposta, invitandovi così a richiamare il numero in questione.

• Richiamandolo infatti attiverete un abbonamento molto costoso che in poco tempo porterà a zero il vostro credito telefonico o in alternativa vi verrà scalato parte del credito in base a quanto tempo starete in linea.

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Vishing: come evitare di fornire i propri dati a chi vuole solo truffarti

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Care e cari utenti tellows,

oggi vogliamo trattare un argomento quanto mai attuale, la cyber sicurezza o sicurezza informatica. L´UE ha scelto il mese di Ottobre come European Cyber Security Month (ECSM) con lo scopo di avviare una campagna di consapevolezza tra i cittadini e le organizzazioni per promuovere la sicurezza informatica e per evitare che sempre a più utenti vengano sottratti dati personali, finanziari e professionali.

Il numero di individui che hanno accesso a internet cresce in modo esponenziale, si è passati da 3.424 miliardi nel 2016 a circa 4.055 miliardi nel 2018, e questo numero continua a crescere. L’utilizzo di strumenti elettronici, in particolare di computer e telefoni con accesso a internet, ci espone a nuovi pericoli che fino a qualche anno fa non erano considerati di primaria importanza.

Andiamo a vedere quali sono questi nuovi pericoli dai quali bisogna proteggersi.

I nuovi fenomeni dei quali avere paura si chiamano Phishing, Smishing e Vishing, e oggigiorno danno non pochi problemi a molti utenti.

  • Con Phishing si intende una pratica utilizzata per sottrarre agli utenti dati personali, come ad esempio nome e cognome, indirizzo, numero di telefono e email, e dati finanziari come il proprio codice iban e il pin del proprio conto corrente bancario.

Vi chiederete come si possa riuscire a sottrarre queste informazioni a una persona. Beh è piuttosto semplice: l’utente riceve delle email che riportano come mittente il nome di organizzazioni accreditate come per esempio banche o enti statali nelle quali viene richiesto l’invio di dati oppure di inserirli dopo aver cliccato a un link.

  • Con Smishing si intende una pratica ancora più utilizzata per rubare i dati personali attraverso gli smartphone; la pratica e pressoché la stessa, in questo caso però vengono inviati agli utenti sms, messaggi Whatsapp o messaggi privati su piattaforme telematiche in cui si richiede l’invio di dati privati.

L´ultimo fenomeno, forse quello più fastidioso è:

  •  Vishing o frode telefonica: anche qui gli utenti ricevono delle email in cui si richiedono dettagli del proprio conto bancario, codici pin o addirittura viene comunicato l’accredito di una somma di denaro dal proprio conto corrente e viene allegato un numero telefonico da contattare. Le vittime dunque chiamano al numero indicato fornendo i dati richiesti non sapendo che la telefonata è registrata e che si tratta di frode di dati personali!

Riportiamo i commenti di alcuni nostri utenti che in questa settimana ci hanno segnalato questi tipi di pratiche:

0239297482

Marco: Sconosciuto| Dicono che la tariffa dell’energia elettrica è troppo alta…vogliono carpire i dati personali. RIAGGANCIATE E BLOCCATE IL NUMERO!

0235963308

Meital: Si spacciano per ENI | chiamano dicendo che il garante della privacy li ha avvisati per una anomalia di pagamento con il mio attuale gestore di cui hanno tutti i dati a disposizione..pericoloso per chi cadendo nel tranello cede e prende le bollette per autorizzare il cambio operatore

00393273708709   

Baby: Confermo quanto segnalato da Mauro e Iacopo, mi hanno contattata con la scusa che c’era un errore nella richiesta che avevo fatto online e hanno voluto nuovamente tutti i dati. Ovviamente l’aumento dell’importo del contratto e la richiesta della foto della carta d’identità da inviare tramite wa mi hanno insospettito. Non credetegli

029957721 

Fra TRUFFA|il giorno 03/10 sono stata contattata a casa da questo numero per informarmi dell’aumento di 10€ + iva al mese in bolletta, proponendomi di recedere dal contratto attraverso un ufficio messo a disposizione dallo Stato così non pagherò nè costi di disdetta nè penali, mi bloccheranno la fatturazione Vodafone e automaticamente farò un recesso gratuito (dato che è un ufficio che tutela i consumatori) (??). Appena chiedo come procedere, mi dice che se voglio posso farlo subito mettendomi in contatto con questo ufficio direttamente. Io ho espresso la volontà di pensarci un attimo e chiedo se posso inviare una raccomandata a/r. con sorpresa, mi spiega che verrò ricontattata, previo appuntamento, e poi deciderò se rimanere a prezzo pieno con loro o recedere. Chiedo se possibile ricevere un offerta alternativa per rimanere loro cliente, mi risponde assolutamente no, nè scontistiche ne promozioni nuove. ora stanno solo facendo promozioni a nuovi clienti. l’aumento partirebbe dal 1 novembre e posso recedere entro il 1/11. Chiedo allora di poter sapere il numero da richiamare tra qualche giorno così da poter procedere con la disdetta e mi risponde che verrò ricontattata da loro e che mi passeranno l’ufficio. Oggi 24/10 chiamo TeleTu e scopro che a loro non risulta nessuna chiamata il giorno 03/10 da parte loro e nessun aumento in bolletta a mio carico. L’operatore mi spiega che c’è una forma di terrorismo sulle linee telefoniche, allo scopo di fare nuovi contratti, raccontando ai clienti baggianate. non date mai codici e dati personali via telefono. i gestori devono per legge avvisare il cliente 2-3 mesi prima della variazione del contratto in fattura e non chiamano a casa!!! per delucidazioni chiamate sempre il vostro gestore telefonico.

Ma allora come difendersi da queste truffe?

Noi di tellows siamo qui per darvi le indicazioni al fine di evitare queste truffe. Per quanto riguarda il Vishing consigliamo di:

  • Stare attenti e verificare sempre l’identità del chiamante
  • Non fornire i propri dati personali, professionali o finanziari per telefono
  • Non trasferire mai soldi ad altri conti correnti, la banca non chiederebbe mai una cosa del genere
  • Annotarsi il numero di chi chiama e fare le dovute ricerche prima di fidarsi

Per il Pishing e Smishing è consigliato:

  • Innanzitutto tenere sempre aggiornati i propri software e antivirus
  • Leggere attentamente le email ricevute dalla propria banca e stare attenti al nome del mittente, molte volte commettono errori di scrittura impercettibili
  • Non rispondere alle email o ai messaggi che chiedono info personali o dettagli finanziari
  • Non cliccare assolutamente sui link o immagini allegati

Come si fa ad avere maggiori informazioni riguardo a un numero di telefono sospetto? Semplice!

Tramite l´App tellows puoi copiare e incollare il numero sospetto nella barra di ricerca e vedere quanto è pericoloso quel numero. Inoltre tellows non solo fornisce l’identità di un numero, ma anche tutti i commenti e le esperienze dei nostri utenti che hanno avuto a che fare con quel numero e che vogliono aiutare altre persone come te a non essere truffate o raggirate.

Per questo motivo invitiamo sempre i nostri utenti a lasciare commenti nella nostra App e a votare i numeri pericolosi, con il desiderio di combattere questo genere di truffe e smascherarne i fautori.

 

Team tellows

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Attivazione non richiesta: è capitato anche a te?

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Benvenuti cari amici tellows!

Vi è mai capitato di riscontrare anomalie sul credito o sul conto telefonico? Fate attenzione: potrebbe trattarsi di un servizio in abbonamento non richiesto. Tra i tanti proposti e temuti, la compagnia VOP è certamente uno di quelli che nel corso dei mesi ha mietuto più vittime.

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Recupero crediti: quando diventa stalking

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Spesso si sente parlare di società o enti incaricati al recupero crediti, ma cosa sono e come funzionano?
Quando un ente matura un credito ha la possibilità di recuperalo attraverso due strade, una è quella del “recupero giudiziale” -quindi attraverso un proprio avvocato-, la seconda è quella dell’affidamento delle pratiche a una società di recupero credito (recupero credito stragiudiziale). Una pratica stragiudiziale può durare per un minimo di sessanta giorni, ma le tempistiche cambiano a seconda delle circostanze (ad esempio se un creditore è difficile da intervistare).

Non sono soltanto le banche o gli istituti finanziari ad affidarsi a queste compagnie, ma anche compagnie telefoniche o tv a pagamento che ogni anno contano un alto numero di piccoli crediti che nel complesso diventano grandi perdite dal fatturato.

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Call center insistenti: è veramente Vodafone che chiama?

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Chi non è mai stato contattato da un call center della Vodafone? La procedura sembra essere sempre molto simile: gli operatori si presentano e iniziano ad illustrare le offerte che potremmo attivare grazie al loro aiuto. L´obiettivo generale è ovviamente cercare di accaparrarsi il maggior numero possibile possibile e soprattutto evitare che gli utenti cambino compagnia telefonica.

Ma quanto sono gradite queste chiamate? E soprattutto quanto possono fidarsi gli utenti?
Noi di tellows raccogliamo ogni giorno numerosi commenti relativi alle chiamate provenienti da call center o, come spesso vengono definiti, dai “presunti” call center Vodafone. Ci teniamo a precisare che il nostro intento non è quello di accusare Vodafone di operare attraverso pubblicità telefonica aggressiva, ma servirci delle informazioni condivise dai nostri utenti per capire meglio chi ci sta realmente chiamando.
In questo articolo cercheremo di offrirvi una panoramica completa di come operano i call center Vodafone in base ai commenti e le esperienze più significative che i nostri utenti condividono su tellows.it. A quanto pare non si tratta di una procedura del tutto chiara, poiché molto spesso non si riesce a capire se a chiamarci sia un vero call center della Vodafone o qualcuno che cerca di ottenere i nostri dati personali con fini ovviamente truffaldini.

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Quando il Registro delle Opposizioni non funziona…

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Quante volte ci capita di ricevere chiamate indesiderate? Pubblicità aggressiva, operatori insistenti e offerte super convenienti che nascondono inevitabilmente qualche nota stonata. Noi ovviamente non ce ne accorgiamo, rapiti dalla parlantina dell´operatore. E il loro compito è proprio quello di catturare la nostra attenzione e di ottenere il tanto atteso „sì“ alle offerte che propongono. Quante volte ci è capitato di ascoltare passivamente le loro richieste e non essere pronti a formulare domande? Perchè spesso di domande da rivolgere agli operatori ce ne sarebbero molte. Siamo tutti d´accordo che si tratta di un lavoro come un altro e nessuno ha obiezioni direttamente legate ai centralinisti in persona. Spesso infatti quello che non funziona è il sistema che sta dietro all´operato dei call center.

Ma andiamo con ordine. La prima cosa a cui dovremmo pensare appena veniamo contattati da un call center è capire se hanno il diritto ad utilizzare i nostri dati personali. Non è un elemento da sottovalutare perchè, come tutti, anche i call center devono attenersi a delle regole ben precise. Il problema è che molto spesso non vi è sufficiente controllo a riguardo e la legislazione non viene seguita accuratamente. Le chiamate commerciali con fini pubblicitari non sono ovviamente da considerare in ogni caso moleste ma, giustamente, accettiamo di essere contattati solo da chi è autorizzato a farlo, proprio come previsto dalla legge. Ricordiamo inoltre che è molto semplice dare l´autorizzazione al trattamento dei dati personali. Spesso non ci facciamo caso, ma quante volte sottoscriviamo degli abbonamenti, tessere sconto e raccolta punti al supermercato e ci dimentichiamo di leggere nel dettaglio le clausole contenute nel contratto? Proprio lì, tra quelle minuscole righe, si nasconde l´inghippo. Raccomandiamo sempre prudenza e attenzione nel firmare contratti commerciali perchè, qualora si acconsenta anche involontariamente al trattamento dei dati personali, i call center hanno tutto il diritto di contattarci. A questo proposito è utile ricordare le leggi che i call center sono tenuti a seguire, che potete trovare nel nostro „tellows Magazine“

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Precariato e call center, ecco cosa accade al Sud

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Se abbiamo sempre parlato di soluzioni per contrastare il telemarketing aggressivo e le pubblicità indesiderate, in questo articolo desideriamo porci dall’altra parte della medaglia e indagare quali sono i meccanismi interni dei call center e quali sono le condizioni contrattuali e lavorative degli operatori telefonici. La nostra riflessione si spinge in modo particolare in Sud Italia, dove, già da alcuni anni, le tipologie di persone che lavorano per queste società sono cambiate.

Se fino a qualche anno fa lavorare nei call center era solamente una prerogativa degli studenti fuori sede che facevano questo lavoro per arrotondare, adesso la situazione è assai diversa. Nei call center lavorano anche persone sui trentanni, molto spesso laureati che non riescono a trovare un lavoro, oppure persone di mezza età che, dopo essere state licenziate a causa della crisi, sono state costrette a cercarsi un nuovo lavoro. Come si legge in uno studio di Maurizio Avola e Rita Palidda intitolato “Lavorare in un call center in una città del Sud”:

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

10 modi per dire stop alle telefonate indesiderate

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Quando si riceve una telefonata da un numero sconosciuto sono molti i pensieri che passano per la testa: chi sarà? Un amico con una nuova sim? Qualcuno che ha sbagliato a digitare il numero o l’operatore di un call center che cercherà di convincerci ad accettare un’irripetibile offerta promozionale?

È normale e legittimo preoccuparsi di un numero non noto, perché, come sappiamo, non possiamo abbassare mai la guardia dai malintenzionati che, in un modo o nell’altro, tentano di ingannare le persone per mezzo del telefono. Le tipologie di chiamata di cui stiamo parlando si dividono in tre gruppi principali:

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram