Recupero crediti: quando diventa stalking


Spesso si sente parlare di società o enti incaricati al recupero crediti, ma cosa sono e come funzionano?
Quando un ente matura un credito ha la possibilità di recuperalo attraverso due strade, una è quella del “recupero giudiziale” -quindi attraverso un proprio avvocato-, la seconda è quella dell’affidamento delle pratiche a una società di recupero credito (recupero credito stragiudiziale). Una pratica stragiudiziale può durare per un minimo di sessanta giorni, ma le tempistiche cambiano a seconda delle circostanze (ad esempio se un creditore è difficile da intervistare).

Non sono soltanto le banche o gli istituti finanziari ad affidarsi a queste compagnie, ma anche compagnie telefoniche o tv a pagamento che ogni anno contano un alto numero di piccoli crediti che nel complesso diventano grandi perdite dal fatturato.

Le modalità attraverso cui una società di recupero credito può sollecitare il debitore a saldare il conto, non devono però andare contro le regole fissate per raggiungere gli obiettivi di recuperato. Un operatore addetto al recupero crediti deve:

  • dire al debitore il nome della banca (o azienda) per conto di cui chiama;
  • comunicare il nome della società di recupero crediti per cui lavora;
  • telefonare attraverso un numero visibile;
  • non può dichiarare il falso per intimorire il debitore;
  • non deve minacciare il debitore inventando procedure legali inesistenti o sproporzionate.
  • In una sentenza del Tribunale di Chieti (la pronuncia 883/12) è stato accolto il ricorso da parte di un cittadino nei confronti di una banca e della società di recupero crediti incaricata dall’istituto finanziario stesso. La sentenza recita quanto segue:

    la banca titolare del credito e la società di recupero crediti ingaggiata hanno violato la riservatezza al consumatore che ha stipulato con la banca un contratto di finanziamento e, al mancato saldo di tutte le debenze, riceve telefonate e messaggi dalla società incaricata di recuperare il credito, anche presso utenze che non gli appartengono, come ad esempio sul luogo di lavoro o presso congiunti, costringendolo a dare imbarazzanti spiegazioni su questioni molto private, a nulla rilevando l’autorizzazione a suo tempo concessa all’istituto di credito relativamente al trattamento dei dati personali.

    Le aziende di recupero crediti devono seguire in maniera rigorosa le leggi concernenti l’incoercibilità psichica e fisico-personale. Questo implica che gli operatori non possono cercare l’interessato in luoghi diversi dall’abitazione (come ad esempio a casa di parenti, vicini di casa o sul posto di lavoro), in orari impensabili e con una frequenza maggiore di quella prevista. Come leggiamo in un commento relativo al numero di una società di recupero crediti sul sito tellows.it

    Nico: non hanno alcun diritto e sono fuori legge nel chiamare vicini di casa chiedendo informazioni personali e il continuare imperterriti in tali telefonate

    Sul nostro sito si può notare,inoltre, che la maggior parte dei numeri segnalati come “società di recupero crediti” hanno un tellows score che oscilla da 7 a 9 e quasi ogni numero registrato nella nostra community ha numerosi commenti.

  • 0498178700 segnalato con 33 commenti con tellows Score 7
  • 0683203175 segnalato con 44 commenti e con punteggio 8
  • 0683203998 segnalato con 19 commenti e con punteggio 7
  • 02329700 segnalato con 33 commenti e con punteggio 8
  • 0651078311 ricercato 2665 volte con un punteggio tellows pari a 9
  • 0705378330 ricercato ben 31029 con un punteggio tellows pari a 7
  • In seguito alle continue segnalazioni dei cittadini riguardo a un utilizzo improprio dei dati personali e un modo illecito di operare, il Garante della Privacy ha emanato un provvedimento in cui viene affermato quanto segue:

  • sono proibite le chiamate preregistrate
  • è vietata l’affissione di avvisi di mora sulla porta dell’abitazione del debitore che possono essere visibili a chiunque (mostrando, quindi, anche i dati personali in pubblico)
  • solo ed esclusivamente l’interessato deve essere a conoscenza del suo debito, per questo non si possono usare cartoline postali o plichi con la scritta visibile “recupero crediti”.
  • le società di recupero crediti non possono chiamare i familiari, i vicini di casa, il datore di lavoro e metterli a conoscenza del debito.
  • le società possono usare solo i dati personali necessari all’esecuzione del mandato (dati anagrafici, codice fiscale, ammontare del credito, recapiti telefonici).
  • una volta che il debito è stato salvato i dati devono essere cancellati
  • Molto spesso i modi operandi di queste società risultano aggressivi, tanto da arrivare alle minacce di imminenti espropriazioni immobiliari. Come si legge sul sito dell’Ass. Consumatori Feltre, ci sono delle frasi standard che chi chiama per conto delle aziende di recupero credito pronuncia sempre, ma che non hanno alcuna valenza:

  • al mancato pagamento può far seguito il pignoramento di beni mobili o immobili o addirittura dello stipendio (affinché possa esserci pignoramento è necessario che intervenga prima una sentenza o un decreto ingiuntivo e previo procedimento dinanzi al giudice. Dunque, il debitore riceverà comunque altri atti a casa e sarà sempre messo nella condizione di difendersi).
  • in caso di mancato pagamento sopraggiungerà l’esattore (non esiste la figura dell’esattore per crediti privati. Esiste, al massimo, l’ufficiale giudiziario e quindi il normale pignoramento; ma anche in questo caso deve prima intervenire una sentenza di condanna o un decreto ingiuntivo).
  • il mancato pagamento dei debiti è un reato e si rischia il carcere (questo non è vero, perché, al contrario, si tratta di un inadempimento di natura civilistica e non configura mai illecito penale. Esso può dar luogo, al massimo, a un recupero crediti con l’ufficiale giudiziario);

    E ancora L’Associazione Consumatori Afferma:

    “È o dovrebbe essere noto a tutti che l’unica persona autorizzata a presentarsi al domicilio privato per riscuotere soldi è l’ufficiale giudiziario munito di uno specifico titolo esecutivo. Ma si deve sapere che detti comportamenti delle società di recupero crediti non solo sono illegittimi, ma potrebbero anche integrare dei veri e propri illeciti penali quali i reati di molestia e minaccia. E come tali, a loro volta denunciabili all’autorità giudiziaria”.

    A prova del malcontento dei consumatori vogliamo proporvi ancora una volta qualche commento interessante tratto dal nostro sito. Wally ha scritto:

    E’ una rottura unica, trovavo 10/15 chiamate a fine giornata. Ho messo tra i numeri bloccati, mi arrivano in media 7/8 sms al giorno che han chiamato.Non ho mai risposto ma non mollano.

    O ancora citiamo Giuseppe:

    sono stato vittima anche io di questa agenzia di recupero crediti. Un impiegato telefonicamente a me personalmente e a mia moglie, intima al pagamento con minacce offensive e traumatiche. Invito a denunciare l’accaduto.

    Nel caso delle compagnie di telefonia, come si legge sul sito Helpconsumatori.it, la legge stabilisce che

    “prima di adire le vie legali le compagnie debbano obbligatoriamente tentare una conciliazione con la controparte (legge n. 249/1997): in mancanza della quale, le società di recupero crediti non hanno titolo per rivolgersi direttamente al consumatore e tentare il recupero del presunto credito”.

    I dipendenti delle aziende di recupero crediti, quindi, possono anche recarsi presso le abitazioni dei debitori, ma non possono entrare senza l’autorizzazione del debitore stesso. Il debitore può anche rifiutarsi di aprire o di parlare con loro. Ammesso che gli addetti al recupero credito abbiano avuto il consenso di entrare nell’abitazione del debitore, essi devono comunque rispettare tutte le regole per la salvaguardia della dignità dell’individuo e della privacy.

    Nel caso in cui tutte queste accortezze non vengano rispettate potete inoltrare una segnalazione alle autorità competenti. Per avere maggiori informazioni potete leggere il nostro articolo dedicato ai 10 modi piú opportuni per dire stop alle telefonate indesiderate. Inoltre, se volete degli approfondimenti sulla tematica “stalking”, qui trovate informazioni dettagliate.

  • , , , ,

    1. #1 di Vania - 20 September 2014 alle 12:48

      Sono mamma di una ragazza (futura mamma ) di 30 anni dal 18 settembre perchè non riesce più a pagare al momento il suo debito con agos fatto col precedente marito,ha ricevuto 12 chiamate con varie offese da che figlio ti nasce con una madre che non paga i suoi debiti a ladra ,delinquente te e il tuo ex ,per dire le cose più leggere tanto da farla stare male e fargli andare la pressione a 110 la minima e 140 la massima chiamando il medico, dal 18 riceve sia lei che il suo ex marito in media 11/12 chiamate al giorno con anonimo ..la prima invece c’era il numero che è 340/5819980 purtroppo ha detto il suo nome ma mia figlia non lo ha scritto e da quel momento lei lo chiede e lui non lo dà ,facendo minacce le ha detto che al momento non sà come fare per pagare (anche perchè il compagno non percepisce anche lui lo stipendio ha luglio data che mia figlia ha smesso di pagare perchè non riesce…..mia figlia è in maternità ma il lavoro che aveva era a tempo determinato,il suo ex marito ora ha una compagna e un bimbo di 8 mesi ed è in mobilità causa chiusura fabbrica dove lavorava…loro sanno di avere contratto questo debito ma purtroppo ora non riescono a far fronte al’impegno di agos come al mutuo della casa che è stata messa in vendita per almeno prendere i soldi per estinguere il mutuo o che se lo prenda chi compra casa….ma in questo periodo di crisi è difficile venderla….ora mia figlia ha bloccato le chiamate anonime ,vedremo che fare se metterci in contatto per eventuale denuncia con i carabinieri ….

    2. #2 di anna Carmela Carchia - 11 October 2014 alle 21:37

      Salve sono una signora che purtroppo per via della crisi ho perso il lavoro. Sono tre mesi che non riesco a pagare le rate di una carta di credito revolving agos intestata a mio marito! Lui invalido in agosto la pensione le stata revocata.il suo stipendio ha gia una cessione del quinto dello stipendio siamo nulla tenente. Ma ogni giorno ricevo telefonate dai recupero credito con minacce spregevoli non so più che fare.Anche perché mio marito affetto da infarto al mio cardio in questo momento in cura per problemi di esaurimento presdo il centro di salute mentale. Io voglio pagare ma in questo moment non ho neanche i soldi per mangiare vi prego aiutatemi come comportarmi graziee

    3. #3 di daniele - 11 November 2014 alle 23:08

      ricordate che esiste anche il reato di petulanza per chi è molesto

    4. #4 di Marco - 23 December 2014 alle 16:04

      Care Anna e Vania, chi opera in quel modo non ha un etica, non è un’agenzia di recupero crediti che opera per conto terzi, ma sono probabilmente agenzie che hanno rilevato il vostro debito e cercano in tutti i modo di rientrare dell’investimento.

      Come viene ben spiegato nell’articolo fate sempre attenzione, l’unica figura che può presentarsi da voi per il recupero è l’ufficiale giudiziario e nessun altro, non fatevi abbindolare o prendere dalla paura, avete modo di segnalare queste agenzie anche tramite avvocato.

    5. #5 di giuseppe - 26 March 2015 alle 19:46

      sono giuseppe disoccupato dal 2012, oggi in data 25/3/15 è venuta una mia vicina di casa portando un biglietto con su scritto di chiamare con urgenza la Sig.ra Fionda.
      Ho chiamato la Sig.ra Fionda la quale non solo non mi ha riferito per quale società lavorava, dopo che io ho detto che l’avrei denunciata per stalking, mi ha passato la responsabile una certa dott. Argento che mi ha pure bloccato il telefono, dopo che anche a lei ho detto che sarei andato dai carabinieri a denunciarli.
      L’unica cosa che mi hanno detto che chiamavano da Cosenza e il numero da loro lasciato è il seguente: 0984181367
      Domani mattina mi recherò dai carabinieri per denunciarli!

    6. #6 di mery - 30 March 2015 alle 22:41

      Io sono già esaurita e mi chiamano molte volte con vari numeri di telefono. Sono molto preoccupata per la mia condizione economica e dovermi giustificare continuamente con loro mi mortifica moltissimo. Hanno anche chiamato la mia ex datrice di lavoro. Cosa posso fare??? Chi potrebbe aiutarmi???

    7. #7 di daniela - 4 June 2015 alle 09:30

      Buongiorno, nel 2003 ho fatto un prestito con la credem per due anni ho pagato poi mi è successo di tutto e quindi ho chiesto se potevo andare avanti con 100 euro al mese, hanno accettato, nl 2006 però è morta mia madre e quindi stop non sono piu riuscita. Ora a distanza di nove anni chiama la cs union ex candia per il recupero. Mi dicono signora o ci paga le cambiali o chiamiamo il suo ufficio e facciamo il pignoramento dello stipendio, Premesso che non sono una ladra ma non ho soldi per pagare, possono fare una cosa del genere, intendo un decredo ingiuntivo anche se il debito originale non era loro aiutatemi per favore

    8. #8 di luigi - 8 June 2015 alle 18:26

      grazie

    9. #9 di Selyv - 12 October 2015 alle 21:13

      Proprio in questo instante ho ricevuto l’ennesima telefonata ANONIMA da parte di un sedicente collaboratore di un fantomatico studio legale per un recupero credito che mi assilla dal 2004!.
      Nel luglio del 2005 si e’ prsentato a casa mia un tizio con una macchina sfasciata e senza darmi alcuna informazione sulla sua identita’ mi chiedeva dei soldi su un debito che avrei dovuto avere.
      Era gia’ la 100esima volta che mi scocciavano con telefonate anche a vicini di casa e parenti.
      Credo che, quando alla TV si sentono notizie di “vicini che sparano a un altro vicino”, o cose simili, alla fine, e’ solo perche’ la vera vittima non e’ chi e’ stato “ammazzato”, ma chi ha tirato il grilletto perche’ aveva i c…..i gonfi di quell’imbecille con manie suicide che si e’ fatto ammazzare e, alla fine della storia, ha solamente rovinato un povero padre di famiglia con i C….I pieni fino all’orlo!
      A distanza di ben 10 anni, continuano a rompere, passando da una societa’ all’altra la pratica!
      Se si ripresentano a casa, li faccio fuori davvero.
      Vadano a quel Paese e che se ne vadano prima a zappare le campagne, svolgendo un lavoro vero.
      Frustrati

    10. #10 di irene - 14 December 2015 alle 21:00

      ho lo stesso problema di daniela. avevo un debito con la credem, ora la cs union mi ha telefonato, dicendo che se non pago possono intaccare la pensione di mio padre, essendo stato lui il mio garante al momento del fido. io sono disoccupata e viviamo in tre con una pensione minima. come posso fare ?

    11. #11 di claudia - 8 January 2016 alle 23:41

      daniela irene…inanzitutto vi capisco sto passando la stessa cosa…non possono pignorar i nulla. il pignoramento conto terzi può essere fatto solo da un legale con richiesta al giudice e sentenza del giudice di pignoramento esecutivo. quindi viene un ufficiale giudiziario con una sentenza in mano che voi ovviamente potreste impugnare. per il resto qualsiasi persona si presenta a casa vostra che non sia un ufficiale giudiziario è solo un privato cittadino che non ha alcun potere!!! detto ciò segnate i numeri,fatevi dire il nome della società per cui lavorano e denunciate. secondo:se chiamano ad un numero che voi non avete fornito al momento del contratto potete denunciare per violazione della privacy,cercate la sentenza del tribunale di chieti in materia. a me non hanno più chiamato perchè ne sapevo più di loro….gli sono scoppiata a ridere in faccia e adesso ho tutte le intenzioni di levargli pure le mutande quanto è vero il figlio che porto in grembo!!!!

    12. #12 di claudia - 8 January 2016 alle 23:44

      ah….allegare alla denuncia una bella perizia psichiatrica sullo stato di ansia e stress che causano,,,,soendete due soldi in più ma il risarcimento alla fine ricompensa tutto perchè alla fine ci sono tutti gli estremi per vincerle queste cause se solo uno le fa. se poi uno è disoccuoato e non ha reddito potete fare la richiesta per il gratuito patrocinio e le soese legali le paga lo stato si ase vincete che se perdete!!!!!forzaaaa reagiteeeeee

    13. #13 di Andrea - 19 January 2016 alle 15:13

      Salve, una domanda. Per una o due rate insolute di un finanziamento ancora aperto, il recupero crediti è legittimato a contattare il coobbligato oppure deve attendere la decadenza dal beneficio del termine? La finanziaria in questione è Compass.
      Grazie

    14. #14 di Giovannai - 9 February 2016 alle 15:22

      Avevo un debito di €7500 con Agos poi ceduto a hoist.ho perso il lavoro e non sono più riuscita a pagare
      Dopo anni si presenta un recupero crediti insistente che telefona ogni giorno
      Io non ho lavoro e sono nullatenente
      Come mi devo comportare e cosa rischii?

    15. #15 di silvia - 7 March 2016 alle 17:06

      claudia la cs union che chiama per la credem non fa conto terzi ma sono pratiche loro . io ho una pratica con loro e sto risolvendo senza intoppi quindi possono procedere come meglio credono

    16. #16 di augusto - 10 March 2016 alle 23:00

      non dovete preocuparvi se telefonano dite che state registrando e pertanto la comunicazione sara’ inoltrata se e’ necessario alle autotita’ competenti,prendente il n di telefono..nel caso di telefonate anonime o non rispondete oppure immediatamente registrate,poi nel caso di telofanate con numeri in chiaro sempre registrare su cartaceo il n che chiama quando viene chiesto se siete il il sig. o la sig tal dei tali immediatamente fate partire il registratore e dite a chi vi ha chiamato che state registrando e quindi e’ consapevole se vuole continuare la comunicazione dite inoltre che questa cosa della quale sta’ parlando telefonicamente sara’ data comunicazione alle autorita’ competenti. Quindi mi raccomanda cari amici rivolgersi subito presso polizia carabinieri finanza o altre autirita’ senza perdere tempo esporre la questione dando alle autorita’ tutte le informazioni possibili il primo creditore e poi questi ultimo (in genere sono compro crediti e se recupero qualche cosa va bene)
      io personalmente ho ricevuto 2 telefonate poi a meta’ mattinata si e’ presentato un tizio con una cartella in mano dopo poche parole prendo il cellulare e compongo il 112 alla risposta pronto carabinieri questo e’ scappato giu’ per le scale…ho spiegato all’operatore quanto successo mi ha detto di passare in caserma e cosi ho fatto.

      Cordialita’ Augusto – Torino

    17. #17 di sara - 5 April 2016 alle 19:49

      Per due rate non pagate x problemi privati mi perseguitano, società crs, mi insultano e urlano, mi hanno chiamato sul posto di lavoro, la domenica mattina alle 7.30, oggi mi è arrivato un messaggio, se entro domani non invio fax dei pagamenti si presenterà l ufficiale giudiziario a casa o al lavoro. Sta sera non ho mangiato x l angoscia, ho chiesto l anticipo dello stipendio come una poveraccia…

    18. #18 di Giovani - 29 April 2016 alle 12:53

      Ciao io oggi sono a l hospedale con mio figlio ricoverato.l agente recupero credito per conto Agos ha chiamato al luogo di lavoro dicendo alla segretaria di dirmi di chiamarlo urgente se non porta mia pratica Agos in tribunale… Ciò che mi ha riferito la segretaria mentre che ero a l hospedale disperato sul lo stato del mio figlio.essendo anche sicuro che quella espandera la voce a l interno dell azienda… Mi ha veramente buttato giù di morale…la mia domanda è posso sporgere denuncia?a chi mi devo rivolgere?
      Grazie

    19. #19 di Michele - 9 May 2016 alle 01:35

      Io ho bloccato tutti i numeri delle due agenzie di recupero crediti ossia : Maran e Intrum justizia.
      La mia colpa è quella di aver saltato una rata del mutuo, che comunque sto pagando regolarmente. Sto pagando una rata con 50 euro in più in modo che tra qualche mese rientro, tutto qui. La banca lo sa ma pare che quando salti una rata è come se all’improvviso ti venisse la peste bubbonica e per loro sei solo un parassita infetto. Alle agenzie di recupero dico che se volete, potete venire a trovarmi a casa per chè col telefono NON MI PRENDERETE MAI !!! e non chiamatemi più sul posto di lavoro.

    20. #20 di Pimpa - 11 May 2016 alle 11:40

      claudia :
      ah….allegare alla denuncia una bella perizia psichiatrica sullo stato di ansia e stress che causano,,,,soendete due soldi in più ma il risarcimento alla fine ricompensa tutto perchè alla fine ci sono tutti gli estremi per vincerle queste cause se solo uno le fa. se poi uno è disoccuoato e non ha reddito potete fare la richiesta per il gratuito patrocinio e le soese legali le paga lo stato si ase vincete che se perdete!!!!!forzaaaa reagiteeeeee

      augusto :
      non dovete preocuparvi se telefonano dite che state registrando e pertanto la comunicazione sara’ inoltrata se e’ necessario alle autotita’ competenti,prendente il n di telefono..nel caso di telefonate anonime o non rispondete oppure immediatamente registrate,poi nel caso di telofanate con numeri in chiaro sempre registrare su cartaceo il n che chiama quando viene chiesto se siete il il sig. o la sig tal dei tali immediatamente fate partire il registratore e dite a chi vi ha chiamato che state registrando e quindi e’ consapevole se vuole continuare la comunicazione dite inoltre che questa cosa della quale sta’ parlando telefonicamente sara’ data comunicazione alle autorita’ competenti. Quindi mi raccomanda cari amici rivolgersi subito presso polizia carabinieri finanza o altre autirita’ senza perdere tempo esporre la questione dando alle autorita’ tutte le informazioni possibili il primo creditore e poi questi ultimo (in genere sono compro crediti e se recupero qualche cosa va bene)
      io personalmente ho ricevuto 2 telefonate poi a meta’ mattinata si e’ presentato un tizio con una cartella in mano dopo poche parole prendo il cellulare e compongo il 112 alla risposta pronto carabinieri questo e’ scappato giu’ per le scale…ho spiegato all’operatore quanto successo mi ha detto di passare in caserma e cosi ho fatto.
      Cordialita’ Augusto – Torino

      Sei così esperto che Potresti quasi farne un lavoro con cui ripagarti i debiti! No comment!

    21. #21 di fedora - 2 July 2016 alle 23:12

      anche oo ho problemi con la COMPOASS…ho saltato tre rate perchè casualmente ho scoperrto un usura molto alta.
      sto aspettanbdo il nulla osta dell’avvocato.
      ma questi ti insultano come fossi toto riina…

    22. #22 di Fabio - 10 August 2016 alle 15:40

      A me è successo di non riuscire temporaneamente a pagare due rate Compass, ho spiegato le avrei pagate il mese successivo con la mora (quasi cento euro).
      Mi tempestavano di chiamate, hanno chiamato anche al lavoro.
      L’ultima volta mi sono imbestialito: ho citato la sentenza di cassazione, ho spiegato che l’antitrust ha dato multe per stalking ai recupero crediti e ho minacciato di mandare lettera dall’avvocato.
      Morale: la tizia si è spaventata e quando mi ha detto: “Meno male che a mia tutela sto registrando la telefonata” le ho spiegato che per registrare la telefonata doveva informarmi che questo era illegittimo e dal momento che la stavo registrando pure io, un cittadino può registrare liberamente le telefonate per tutelare i propri diritti (sentenza cassazione), l’avrei denunciata.
      Morale: non mi hanno più chiamato, appena ho potuto ho pagato le due rate scadute e mi sono state abbuonate le spese di mora.

    23. #23 di mario - 6 September 2016 alle 23:13

      A me questi mi stanno massacrando http://recuperocreditifacile.com/…. come posso fare????

    (non verrà pubblicata)

    1. Ancora nessun trackback