“Investi in Amazon”: ecco la nuova truffa telefonica

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Cari utenti tellows,

negli ultimi giorni, stanno aumentando a dismisura le vostre segnalazioni sul nostro sito riguardo una truffa legata all’e-commerce Amazon.
A quanto pare i truffatori, fingendosi Amazon, cercano di estorcere i dati bancari delle ignare vittime. Attraverso questo articolo, vi forniremo alcuni esempi e vi daremo alcune dritte per non cadere nel tranello.

null

Come funziona la truffa?
“Buongiorno, la contattiamo dal servizio clienti di Amazon per proporle un investimento”. Parte così, di solito, la telefonata registrata in apparenza inoffensiva.
“Visto che è membro del programma Prime, Amazon le offre l’opportunità di un investimento”. Ed ecco che scatta il raggiro.
Ciò che viene proposto è un investimento in azioni Amazon (naturalmente all’insaputa del colosso americano). Si tratta, a detta del disco registrato che ci parla, di un investimento certo, che promette guadagni extra senza alcun rischio o fatica. Fate attenzione: si tratta di una truffa. Amazon non telefona ai propri clienti per offrire investimenti.
Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

“Ciao ho provato a chiamarti, richiamami al …” – Attenzione a questo sms

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Cari amici di tellows,

come ben sapete, le truffe telefoniche oggigiorno non avvengono solo tramite chiamata vocale, ma ci sono diversi altri metodi attuati dai truffatori.
Nelle ultime settimane, molti di voi, ci hanno segnalato alcuni numeri telefonici sospetti, che attraverso un sms proverebbero a mettere in pratica un raggiro.

null
Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Multe per 2,2 milioni di euro a Tim, Wind3 e Vodafone per servizi premium non richiesti

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Cari amici di tellows,

tra le varie truffe che ci vengono segnalate sul nostro sito, spesso ci capita di leggere commenti riguardo ad abbonamenti indesiderati attivati a vostra insaputa.
A tal proposito, la scorsa settimana l’Autorità di garanzia per le comunicazioni (Agcom), ha sanzionato Tim, Wind3 e Vodafone, che non avrebbero tutelato i clienti contro gli addebiti per i servizi premium non richiesti attivati su cellulare.

Dal 2016 al 2020, infatti secondo Agcom, gli operatori telefonici non sono stati in grado di proteggere gli utenti dall’ondata di addebiti per i servizi premium forniti senza richiesta. Le compagnie telefoniche hanno ottenuto notevoli vantaggi economici, e talvolta hanno rifiutato di emettere il rimborso a favore degli utenti ingannati. A tal fine Agcom ha emesso sanzioni nei loro confronti per circa 2,2 milioni di euro.

null
Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Luce e gas: come difendersi dalle chiamate indesiderate

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Cari utenti tellows,

se di recente avete ricevuto una chiamata indesiderata da un operatore che vi ha proposto un contratto di fornitura luce e gas, dovreste leggere questo articolo con attenzione.

Ogni giorno, sfortunatamente, gli addetti dei vari call center ci chiamano per proporci nuove offerte luce e gas, a detta loro più convenienti di quelle in essere. Spesso però, il chiamante utilizza una tecnica truffaldina per indurci a concludere il contratto telefonicamente. Capita infatti che l’operatore riporti l’obbligatorietà a passare dal mercato tutelato a quello libero. Si tratta di una notizia falsa, o meglio imprecisa; infatti un emendamento al decreto milleproroghe ha rimandato di un altro anno il termine del mercato tutelato, che è ora previsto per il 2023.

null
Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Nuova truffa ai danni di Unicredit: l’sms che svuota il conto corrente

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Cari utenti tellows,

con l’arrivo dell’estate, sembra essere arrivata anche una nuova truffa ai danni di Unicredit e dei suoi clienti. Tramite il metodo dello spoofing, infatti, i criminali cercano di svuotare il conto corrente dei malcapitati. Avvalendosi di una tecnica ancora non nota a tutti, spesso riescono nel loro intento. Per questo motivo abbiamo deciso di scrivere un articolo, sperando di mettervi in guardia ed evitare che qualcuno di voi cada in questa spiacevole situazione.

null

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Blacklist per Fritz!Box con nuove funzioni: diventa parte della community tellows

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

La protezione dalle chiamate indesiderate di tellows per il FRITZ!Box gode di grande popolarità e siamo felici di presentarvi oggi le nuove funzioni per le rubriche online. Con le nostre blacklist per la linea telefonica fissa, non puoi più solo accedere ai numeri di telefono segnalati dagli altri utenti, ma anche contribuire a rendere la protezione antispam ancora migliore e condividere altri numeri di telefono con la community!

D’ora in poi è possibile modificare le rubriche tellows con il FRITZ!Box o nel FRITZ!Fon e aggiungere o togliere numeri di telefono manualmente. I numeri di telefono sospetti che sono stati aggiunti, sono poi automaticamente segnalati a tellows con una valutazione. La tua segnalazione aiuta gli altri utenti ad essere avvertiti su numeri indesiderati. Puoi cambiare, cancellare o aggiungere nuove voci in qualsiasi momento. Come utente registrato, puoi anche visualizzare i numeri di telefono segnalati nel tuo account tellows.


Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Telemarketing incontrollato: c’è un regolamento per impedire le chiamate dai call center sul cellulare, ma il governo non l’ha ancora approvato

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Cari utenti tellows,

tra gli strumenti con cui combattere le chiamate indesiderate, di cui vi abbiamo già parlato in passato, c’è sicuramente il Registro delle Opposizioni: un servizio pubblico, gestito dal Ministero dello sviluppo economico, che permette a ogni cittadino d’iscrivere il proprio numero di telefono, al fine di non ricevere più chiamate commerciali.

Ad oggi, attraverso un form presente sul sito web è possibile registrare un numero telefonico fisso, mentre non è consentito registrare un numero di cellulare.
Eppure il Garante della Privacy avrebbe già dato l’ok al regolamento che permette di registrare anche numeri mobile, ma manca l’approvazione del Consiglio dei Ministri.
Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Truffa telefonica via SMS: arrestate 7 persone

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Nei giorni scorsi, come confermato dal sito ufficiale della Polizia di Stato, 7 persone sono state arrestate per frode bancaria. In particolare gli arrestati, sarebbero accusati di aver rubato oltre 90mila Euro attraverso lo smishing, ossia il furto di dati sensibili attraverso SMS.

A incappare nell’imbroglio dei truffatori, operanti in tutto il paese, sono stati gli sfortunati destinatari di SMS ingannevoli. A prima vista i messaggi arrivavano direttamente dalle banche delle vittime, ma in realtà erano inviati dai malviventi con il fine di appropriarsi dei dati personali, come le credenziali bancarie o i numeri delle carte di credito.

Come operavano i criminali:

  • Inviavano SMS fingendosi la banca della vittima chiedendo di cliccare su un link oppure di rispondere al messaggio.
  • Al messaggio di testo seguivano, talvolta, false telefonate per carpire i dati.
  • Una volta ottenute le credenziali bancarie, prelevavano cospicue somme di denaro presso sportelli ATM abilitati al servizio di prelievo cardless (senza la necessità di avere con se la carta di credito).
  • Continua a leggere

    Facebooktwitteryoutubeinstagram

    Truffa telefonica da record: donna di 90 anni perde una fortuna

    Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

    Una donna di 90 anni di Hong Kong è diventata vittima della, probabilmente, più grande frode telefonica della storia.
    Secondo i resoconti dei media cinesi, la donna è proprietaria di una villa in uno dei quartieri più “in” della città. Nel luglio dello scorso anno, la vittima sarebbe stata contattata telefonicamente da un sedicente funzionario di polizia cinese, il quale sarebbe riuscito a farle credere che la sua identità era stata usata in un grave procedimento penale in corso in Cina. I truffatori hanno quindi convinto la novantenne che era necessario trasferire alcuni dei suoi fondi sui conti correnti degli investigatori in modo che potessero determinare se fossero i proventi del crimine.

    Continua a leggere

    Facebooktwitteryoutubeinstagram

    La protezione dalle chiamate indesiderate per FritzBox è ora disponibile anche su Amazon

    Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

    Abbiamo una grande notizia: le Blacklist tellows per FRITZ!Box sono ora disponibili anche su Amazon!
    Il prodotto è ora disponibile sotto forma di carta voucher. Il funzionamento è simile a quello dei buoni disponibili in commercio: sulla carta troverete la descrizione del prodotto e brevi istruzioni per l’integrazione nel FRITZ!Box, nonché un codice QR che vi indirizzerà alle istruzioni dettagliate, compreso il video tutorial. La chiave di licenza, che funge da password, si trova sul retro della scheda sotto un campo da grattare. La scheda è disegnata nei tipici colori tellows e offre la stessa protezione del prodotto acquistato nel tellows shop.

    Continua a leggere

    Facebooktwitteryoutubeinstagram