Archivi tag: protezione dati sensibili

Telefonate dal prefisso +44? Potrebbe trattarsi di una truffa

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Cari amici di tellows,
vi è mai capitato di ricevere una telefonata da un numero con il prefisso britannico +44?
Oggi cercheremo di mettervi in guardia perché potrebbe trattarsi di una truffa legata al finto trading online.

La truffa in questione è molto semplice: un operatore telefonico, chiama in merito alla possibilità di aprire un conto su fantomatiche piattaforme online, illude il cliente proponendo facili guadagni e chiede il versamento di un capitale iniziale.
Dopo poche settimane dall’investimento, sembra crescere il profitto, così che la voglia di investire aumenta. Il problema, nonché la chiave della truffa, sta nel fatto che risulta impossibile prelevare sia il denaro investito, sia quello guadagnato.

null

Vediamo alcuni commenti postati dai nostri utenti:

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Paypal – la nuova truffa che svuota il conto

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Cari amici di tellows,
a seguito di numerose e crescenti segnalazioni che stiamo ricevendo, abbiamo deciso di mettervi in guardia su una nuova truffa che sta colpendo chi vende articoli attraverso siti di compravendita online e che svuota il conto Paypal.

Come funziona?
Dopo aver messo in vendita l’articolo, il venditore viene contattato dal finto compratore che accetta di effettuare il pagamento tramite Paypal e chiede pertanto la mail associata al conto per poter completare l’acquisto.

null

Anziché procedere al pagamento però, il truffatore cerca di accedere al conto e esegue il reset della password. A questo punto il venditore riceverà un sms di reset password con un codice da inserire per accedere al proprio conto.
Proprio in quel momento, il finto acquirente contatta il venditore millantando problemi con il pagamento, dicendo che ha bisogno di quel codice per sbloccarlo.
Una volta ricevuto il codice, avrà accesso al conto Paypal del venditore e lo svuoterà in men che non si dica, effettuando acquisti o pagamenti ad altri conti.

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Richiesta di documenti tramite WhatsApp? Attenti alle truffe!

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Cari utenti tellows,

oggi vi vogliamo parlare di una truffa che colpisce gli utenti tramite la nota applicazione di messaggistica WhatsApp. Infatti, è tornata alla ribalta una vecchia frode di cui non si sentiva sicuramente la mancanza.

Molti utenti segnalano di essere stati contattati telefonicamente da persone che si fingono operatori di compagnie telefoniche che offrono nuove condizioni contrattuali, alquanto vantaggiose. Se il cliente si dichiara interessato, il chiamante fornisce un numero di cellulare al quale dovranno essere inviati, tramite WhatsApp, i documenti d’identità per attivare l’offerta.
Peccato che l’offerta in questione non esista e i documenti personali verranno utilizzati o rivenduti dai truffatori per successive truffe.

null

Vediamo insieme alcuni commenti riportati sul nostro sito:

Pippo riporta il numero 0245072292:
“Sedicente call center TIM che propone un cambio di piano tariffario con una promozione che non esiste. Chiedono di inviare copia di documento personale per il ‘controllo qualità’ via mail e, se non si ottiene risposta, via Whatsapp.”

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Truffa del Postamat – come prevenirla

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Cari utenti tellows,

Non molto tempo fa vi abbiamo messo in guardia riguardo a varie truffe in cui è possibile incorrere quando si effettuano acquisti online su vari siti di compravendita tra privati (se vi siete persi l’articolo « Acquisti su internet – come difendersi » cliccate qui).
Oggi invece, vogliamo invitarvi a fare molta attenzione nel caso in cui siate voi a vendere un oggetto online.

Abbiamo ricevuto infatti diverse segnalazioni da parte dei nostri utenti riguardo a una truffa legata ai Postamat, ossia gli sportelli per prelevare e versare denaro gestiti da Poste Italiane. La cosa particolare è che a venire raggirato non è come solitamente succede il compratore, ma bensì il venditore.

null

Cominciamo a vedere insieme alcuni commenti riportati su tellows:

Martina riporta il numero 3791984890:
« Mi ha fregato 1000€ dicendomi di recarmi allo sportello per prelevare il denaro per l’acquisto che doveva fare… (operazione da lui guidata al telefono) invece ho effettuato una ricarica sulla sua postepay.»

paolo57 segnala il numero 3713182505:
«…Sono andato al bancomat della posta e mi sono reso conto in tempo che stavo ricaricando la sua postepay. Per fortuna mi sono fermato in tempo… »

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Vishing: come evitare di fornire i propri dati a chi vuole solo truffarti

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Care e cari utenti tellows,

oggi vogliamo trattare un argomento quanto mai attuale, la cyber sicurezza o sicurezza informatica. L´UE ha scelto il mese di Ottobre come European Cyber Security Month (ECSM) con lo scopo di avviare una campagna di consapevolezza tra i cittadini e le organizzazioni per promuovere la sicurezza informatica e per evitare che sempre a più utenti vengano sottratti dati personali, finanziari e professionali.

Il numero di individui che hanno accesso a internet cresce in modo esponenziale, si è passati da 3.424 miliardi nel 2016 a circa 4.055 miliardi nel 2018, e questo numero continua a crescere. L’utilizzo di strumenti elettronici, in particolare di computer e telefoni con accesso a internet, ci espone a nuovi pericoli che fino a qualche anno fa non erano considerati di primaria importanza.

Andiamo a vedere quali sono questi nuovi pericoli dai quali bisogna proteggersi.

I nuovi fenomeni dei quali avere paura si chiamano Phishing, Smishing e Vishing, e oggigiorno danno non pochi problemi a molti utenti.

  • Con Phishing si intende una pratica utilizzata per sottrarre agli utenti dati personali, come ad esempio nome e cognome, indirizzo, numero di telefono e email, e dati finanziari come il proprio codice iban e il pin del proprio conto corrente bancario.

Vi chiederete come si possa riuscire a sottrarre queste informazioni a una persona. Beh è piuttosto semplice: l’utente riceve delle email che riportano come mittente il nome di organizzazioni accreditate come per esempio banche o enti statali nelle quali viene richiesto l’invio di dati oppure di inserirli dopo aver cliccato a un link.

  • Con Smishing si intende una pratica ancora più utilizzata per rubare i dati personali attraverso gli smartphone; la pratica e pressoché la stessa, in questo caso però vengono inviati agli utenti sms, messaggi Whatsapp o messaggi privati su piattaforme telematiche in cui si richiede l’invio di dati privati.

L´ultimo fenomeno, forse quello più fastidioso è:

  •  Vishing o frode telefonica: anche qui gli utenti ricevono delle email in cui si richiedono dettagli del proprio conto bancario, codici pin o addirittura viene comunicato l’accredito di una somma di denaro dal proprio conto corrente e viene allegato un numero telefonico da contattare. Le vittime dunque chiamano al numero indicato fornendo i dati richiesti non sapendo che la telefonata è registrata e che si tratta di frode di dati personali!

Riportiamo i commenti di alcuni nostri utenti che in questa settimana ci hanno segnalato questi tipi di pratiche:

0239297482

Marco: Sconosciuto| Dicono che la tariffa dell’energia elettrica è troppo alta…vogliono carpire i dati personali. RIAGGANCIATE E BLOCCATE IL NUMERO!

0235963308

Meital: Si spacciano per ENI | chiamano dicendo che il garante della privacy li ha avvisati per una anomalia di pagamento con il mio attuale gestore di cui hanno tutti i dati a disposizione..pericoloso per chi cadendo nel tranello cede e prende le bollette per autorizzare il cambio operatore

00393273708709   

Baby: Confermo quanto segnalato da Mauro e Iacopo, mi hanno contattata con la scusa che c’era un errore nella richiesta che avevo fatto online e hanno voluto nuovamente tutti i dati. Ovviamente l’aumento dell’importo del contratto e la richiesta della foto della carta d’identità da inviare tramite wa mi hanno insospettito. Non credetegli

029957721 

Fra TRUFFA|il giorno 03/10 sono stata contattata a casa da questo numero per informarmi dell’aumento di 10€ + iva al mese in bolletta, proponendomi di recedere dal contratto attraverso un ufficio messo a disposizione dallo Stato così non pagherò nè costi di disdetta nè penali, mi bloccheranno la fatturazione Vodafone e automaticamente farò un recesso gratuito (dato che è un ufficio che tutela i consumatori) (??). Appena chiedo come procedere, mi dice che se voglio posso farlo subito mettendomi in contatto con questo ufficio direttamente. Io ho espresso la volontà di pensarci un attimo e chiedo se posso inviare una raccomandata a/r. con sorpresa, mi spiega che verrò ricontattata, previo appuntamento, e poi deciderò se rimanere a prezzo pieno con loro o recedere. Chiedo se possibile ricevere un offerta alternativa per rimanere loro cliente, mi risponde assolutamente no, nè scontistiche ne promozioni nuove. ora stanno solo facendo promozioni a nuovi clienti. l’aumento partirebbe dal 1 novembre e posso recedere entro il 1/11. Chiedo allora di poter sapere il numero da richiamare tra qualche giorno così da poter procedere con la disdetta e mi risponde che verrò ricontattata da loro e che mi passeranno l’ufficio. Oggi 24/10 chiamo TeleTu e scopro che a loro non risulta nessuna chiamata il giorno 03/10 da parte loro e nessun aumento in bolletta a mio carico. L’operatore mi spiega che c’è una forma di terrorismo sulle linee telefoniche, allo scopo di fare nuovi contratti, raccontando ai clienti baggianate. non date mai codici e dati personali via telefono. i gestori devono per legge avvisare il cliente 2-3 mesi prima della variazione del contratto in fattura e non chiamano a casa!!! per delucidazioni chiamate sempre il vostro gestore telefonico.

Ma allora come difendersi da queste truffe?

Noi di tellows siamo qui per darvi le indicazioni al fine di evitare queste truffe. Per quanto riguarda il Vishing consigliamo di:

  • Stare attenti e verificare sempre l’identità del chiamante
  • Non fornire i propri dati personali, professionali o finanziari per telefono
  • Non trasferire mai soldi ad altri conti correnti, la banca non chiederebbe mai una cosa del genere
  • Annotarsi il numero di chi chiama e fare le dovute ricerche prima di fidarsi

Per il Pishing e Smishing è consigliato:

  • Innanzitutto tenere sempre aggiornati i propri software e antivirus
  • Leggere attentamente le email ricevute dalla propria banca e stare attenti al nome del mittente, molte volte commettono errori di scrittura impercettibili
  • Non rispondere alle email o ai messaggi che chiedono info personali o dettagli finanziari
  • Non cliccare assolutamente sui link o immagini allegati

Come si fa ad avere maggiori informazioni riguardo a un numero di telefono sospetto? Semplice!

Tramite l´App tellows puoi copiare e incollare il numero sospetto nella barra di ricerca e vedere quanto è pericoloso quel numero. Inoltre tellows non solo fornisce l’identità di un numero, ma anche tutti i commenti e le esperienze dei nostri utenti che hanno avuto a che fare con quel numero e che vogliono aiutare altre persone come te a non essere truffate o raggirate.

Per questo motivo invitiamo sempre i nostri utenti a lasciare commenti nella nostra App e a votare i numeri pericolosi, con il desiderio di combattere questo genere di truffe e smascherarne i fautori.

 

Team tellows

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Ti hanno chiesto dei soldi per la benzina? Occhio alle truffe

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

La community di tellows è sempre molto attenta alle nuove truffe, la possibilità di condividere le vostre esperienze consente di essere sempre aggiornati e di mettere in guardia altri utenti del web. Nonostante questo, i truffatori hanno sempre nuove idee ed altre ben congeniate continuano a mietere vittime ogni giorno, per questo il vostro apporto è essenziale.

Vediamo quindi le piú recenti sul nostro sito

Finita la benzina – ma non la fantasia

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Un acquirente insolito dalla Costa D’Avorio

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Qualche giorno fa ci è giunta notizia di una nuova truffa che ha colpito un nostro utente, e a quanto sembra molte altre persone. Di cosa si tratta questa volta? L’ennesima truffa telefonica? Andiamo a vedere di che si tratta. Si riceve un’email, nella quale il mittente è interessato nell’acquisto di una certa cosa che è stata messo in vendita dalla vittima. Gli utenti caduti nella trappola hanno tutti ricevuto lo stesso messaggio ma con qualche piccola differenza a seconda di quello che vendevano. Vediamo un esempio per capire:

Ciao,
Vengo appena di vedere l’annuncio della “NOME DELLA COSA CHE VENDETE” prezzo “EURO” che mette nell annuncio. Sono francese sono in AFRICA precisamente in COSTA D’AVORIO per lavoro. Sono interessato a aquistare questa “NOME DELL OGGETTO”.

Mio contatto
CEL:00225-67-04-72-59
tel:00225-47-76-89-88

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Allerta su truffa telefonica per le carte di credito

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Giunge un nuovo allarme riguardo una recente truffa telefonica a danno dei possessori di carte di credito.

L’avviso giunge originariamente da una delle più importanti banche canadesi (la Royal Bank of Canada) e allerta contro la truffa che dal Canada sembra diffondersi a tutto il nord America. Un funzionario della Banca d’Italia mette in guardia dal rischio che prestissimo la truffa arrivi anche in Europa.

 I truffatori in questione sono già in possesso del numero di carta di credito quando telefonano al suo possessore, e proprio questo fatto gioca a favore dei truffatori che non chiedendo il numero al telefono destano meno sospetti. Al contrario però il sospetto dovrebbe nascere quando al telefono viene richiesto il numero di serie presente sulla carta.

Al telefono i truffatori si comportano da veri professionisti, e si presentano con nome e cognome e addirittura con la matricola di funzionario dell’ufficio antifrode di Visa, oppure Mastercard o American Express, ecc.

Continua a leggere

Facebooktwitteryoutubeinstagram