Coronavirus – Attenzione ai falsi paramedici

Facebooktwitterredditpinteresttumblrmail

Cari utenti tellows,

in questi giorni vogliamo mettervi in guardia sull’ennesima truffa telefonica che sta interessando tutto il Nord d’Italia. In particolare, ci troviamo nei comuni coinvolti nell’emergenza coronavirus. Infatti, c’è chi purtroppo si approfitta dello stato attuale per intrufolarsi nelle case di qualche sfortunato e rubare soldi o oggetti di valore.

La truffa sembra per il momento interessare soprattutto la parte anziana della popolazione. Tuttavia, non escludiamo che questi truffatori estendano il loro raggio d’azione a tutte le fasce d’età e a un maggior numero di comuni italiani.

Vediamo come funziona

Alcuni anziani hanno segnalato alle istituzioni di aver ricevuto una telefonata sospetta che li intimava a rimanere a casa e prendere un appuntamento per fare un tampone al fine di verificare la negatività o positività al nuovo coronavirus. Sebbene il chiamante si identifichi come appartenente alla Croce Rossa Italiana, non é questo il caso. Al contrario, si tratta di persone non autorizzate. Infatti, nessun operatore sanitario della Croce Rossa é stato incaricato di eseguire test di screening porta a porta, né alcuna Asl della Lombardia o del Veneto ha disposto questo provvedimento.

In generale, questa é una pratica truffaldina ormai consolidata. Solitamente, il truffatore chiama la potenziale “vittima” per raccogliere informazioni sull’abitazione in questione: numero di inquilini, presenza di animali e abitudini quotidiane dei conviventi o familiari. In tal senso, il truffatore viene a conoscenza di alcune informazioni preziose per entrare in casa vostra. Dunque, non fidatevi e segnalate su tellows il numero che vi ha chiamato.

Inoltre, nessun paramedico è autorizzato a darvi informazioni su come curare in casa il coronavirus: in caso di un eventuale contagio bisogna rivolgersi esclusivamente ai numeri verdi che provvederanno, se necessario, ad un intervento.

Di seguito riportiamo i numeri da chiamare in caso di emergenza:

  • il numero di pubblica utilità per domande e risposte del Ministero della salute 1500 attivo 24 ore su 24;
  • il numero verde della Regione Lombardia 800.894.545;
  • il numero verde della Regione Veneto 800.462.340;
  • il numero verde della Regione Emilia Romagna 800.033.033;
  • il numero verde della Regione Piemonte 800.333.444;
  • il numero verde della Regione Friuli Venezia Giulia 800.500.300;
  • il numero verde della Regione Valle d’Aosta 800.122.121 attivo dalle 9 alle 12 e dalle 13 alle 18;
  • il numero verde della Regione Trentino-Alto Adige 800.751.751 attivo dalle 8 alle 20;
  • il numero verde della Regione Toscana 800.556.060;
  • il numero verde della Regione Umbria 800.636.363; 
  • il numero verde della Regione Marche 800.936.677;
  • il numero verde della Regione Campania  800.909.699.

Tali numeri possono essere contattati per informazioni riguardo al coronavirus, per esempio su come avviare una sorveglianza attiva nel caso in cui si fosse appena rientrati da un viaggio in una delle zone dove si é diffusa l’epidemia.

Se fosse necessario un pronto intervento le Asl raccomandano di non recarsi al pronto soccorso ma di chiamare un’ambulanza (112).

Infine, riportiamo qui le istruzioni del Ministero della salute per prevenire ulteriori contagi.

Il team di tellows

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *